L’aria fresca e soleggiata di primavera finalmente ci consente, dopo un anno, di poter rivivere  il fascino della steppa murgiana trapuntato di orchidee.

La Murgia rapisce e incanta per i suoi orizzonti sconfinati, dove il silenzio sembra interrotto solo dal vento che accarezza le erbe spontanee tra le rocce. In queste aride colline, che guardano agli appennini, sembra non ci sia vita, e poi …spuntano fiori, piante, farlalle, greggi e meravigliosi rapaci 😊

In questo trekking potrete davvero apprezzare a pieno l’habitat prioritario di pseudo-steppa per cui fu istituito nel 2004 il Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Il percorso ad anello dalle lame alle creste delle Murge giunge ai resti del mistico Castello del Garagnone. Edificato su uno sperone roccioso, in epoca normanno-sveva  era a controllo della via Appia; i terremoti hanno distrutto la sua architettura ma non la sua energia. Vi aspetto per condividere con voi uno dei siti del Parco che amo di più.

EVENTO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA E POSTI LIMITATI (MASSIMO 25 PERSONE)

L’attività escursionistica  sarà eseguita nel rispetto della attuale normativa di sicurezza Covid19, come da DPI vigente. E’ obbligatorio leggere e sottoscrivi una liberatoria che vi sarà inviata a seguito della prenotazione.

PROGRAMMA

🚩RADUNO Ore 08:30 località Poggiorsini

🚶ESCURSIONE  ad anello – tratturi, calcari affioranti

Durata: 5 ore

Difficoltà : E (escursionistica)

Dislivello: 150 m.

Lunghezza del percorso: 6 Km.

☎️INFO E PRENOTAZIONI: GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA e GUIDA TURISTICA – Rossella 3204573111

✉Email: info@pugliawalk.it

WEBSITE: www.pugliawalk.it

💰COSTO ESCURSIONE:10€ adulti, 7€ minori da 12-18 anni (il prezzo comprende guida e assicurazione)

EQUIPAGGIAMENTO: scarpe da trekking obbligatorie, zaino, pantaloni lunghi, maglietta a maniche corte, pile, giacca antivento impermeabile, cappello, borraccia con 1,5 litro d’acqua a persona, frutta, macchina fotografica, bastoncini da trekking (consigliati).

NOTE: Il programma potrà subire variazioni a giudizio della guida, per motivi tecnici, di sicurezza e metereologici.